Riccardo Altamura, Chief Investment Officer at CFE Finance, comments on rate hikes in 2022 in the US

Riccardo Altamura

Interview in Italian

CFE Finance: “Curva rendimenti US in appiattimento fino all’estate”

La Fed ha comunicato che il primo ritocco ai tassi dovrebbe arrivare a marzo. Fin dove credete possa spingersi il rendimento del Treasury decennale nel corso del 2022 e quale forma potrebbe assumere la curva dei tassi Usa?

Dopo la riunione di mercoledì 26 gennaio non sembra ci sia più alcun dubbio che il primo rialzo dei tassi avvenga a marzo 2022.

Inoltre le probabilità che questo sia di 50 punti basi (e non più 25) sono aumentate considerevolmente cosi come sembra che sul numero di rialzi dei tassi nel 2022 negli Stati Uniti trovi sempre più consenso il fatto che questi possano essere cinque e non quattro.

Powell ha chiaramente riferito che il rialzo dei tassi seguirà l’andamento dei dati e dell’economia reale e le componenti inflazionistiche strutturali come il costo delle materie prime e dell’energia nonché del costo del lavoro in US non sembrano calmarsi. Inoltre gli ultimi dati di gennaio hanno segnato un CPI in aumento anno su anno al 7%.

Con queste premesse ci aspettiamo i tassi a breve US in aumento nell’immediato e quindi una curva dei rendimenti dei titoli di Stato US in appiattimento almeno fino a giugno/luglio, periodo in qui la Fed dovrebbe iniziare a ridurre il suo bilancio e conseguentemente gli acquisti sulla parte lunga della curva che dovrebbe quindi riprendere pendenza. Ci sembra ragionevole prevedere un rendimento del decennale americano tra 2% e 2.25% per fine anno.

In questa fase di mercato quali tipologie di titoli di Stato Usa ritenete sia opportuno inserire in portafoglio?

Per le ragioni sopra citate non riteniamo di inserire i titoli di Stato US in portafoglio nel 2022.

Source: